Menu Chiudi

Dipingere le piastrelle vecchie invece di sostituirle: una scelta economica e pratica! Ecco cosa bisogna fare

Dipingere le piastrelle vecchie invece di sostituirle.
CONDIVIDI SU:

La sostituzione delle piastrelle, oltre a essere dispendiosa dal punto di vista economica, porta via tanto tempo. Invece, perché non dipingerle?

 

Dipingere le piastrelle: una scelta economica e pratica

Se non volete sostituire le vecchie piastrelle, perché non dipingerle? È un’alternativa veloce, efficace ed economica. Inoltre, vi offre la possibilità di utilizzare colori e disegni di vostro gradimento, senza l’annoso compito di dover scegliere le piastrelle più adatte ai vostri gusti.

Per garantirvi i migliori risultati, ecco tutti i suggerimenti, i trucchi e le conoscenze di cui avrete bisogno per dare alle vostre piastrelle una nuova vita e una finitura professionale.

 



Per iniziare

Innanzitutto, per dipingere le piastrelle vi servono pennelli, detergente per spazzole, rullo, carta vetrata, nastro per pittori o nastro adesivo, spugna, paglietta e ciotola, detergente, primer, pittura e stucco per piastrelle.

L’area da dipingere va prima liberata completamente e poi pulirla. Le piastrelle dovranno essere completamente prive di sporco, sporcizia e grasso. Usate un detergente commerciale per cucina/bagno e una spugna abrasiva (o lana metallica) per pulire il più possibile le piastrelle.

Non dimenticate di pulire anche la fuga con acqua tiepida per rimuovere eventuali residui di detergente. Più pulita è la superficie, migliore sarà l’adesione della pittura alle piastrelle.

 

Riparate le piastrelle, carteggiate e pulite

 

Se le vostre piastrelle hanno crepe o scheggiature sottili, utilizzate una resina epossidica per riempire e attendete che si asciughi. Se, invece, manca la malta, riempire le zone scoperte con stucco per piastrelle e attendere che si solidifichi.

Il prossimo passo è carteggiare la superficie delle piastrelle. Tutta la polvere prodotta va aspirata, quindi prendete un panno umido e strofinate le piastrelle e le superfici vicine e attendere che si asciughi.

Usate del nastro adesivo o del nastro per pittori per proteggere le altre superfici. Per una maggiore protezione, potete anche utilizzare giornali, fogli di plastica o teli antipolvere.

Infine, passate sulle piastrelle un’ultima rapida un panno umido per rimuovere polvere o detriti e lasciatele asciugare. Per garantire che la pittura aderisca bene alle piastrelle, è meglio applicare prima del primer. Anche se non è essenziale, vi offrirà una finitura molto più duratura.

 

Pennello per dipingere: quale misura?

Dipingere le piastrelle vecchie invece di sostituirle.

Se state utilizzando un pennello per dipingere le piastrelle, usatene uno da 5-10 cm. Per una finitura più liscia, utilizzate un pennello a pelo corto o un rullo di schiuma. Per prima cosa, usate un pennello da 3-5 cm per dipingere la malta prima di stendere il rullo, quindi una volta che il primer è asciutto dare una rapida carteggiatura leggera per preparare le piastrelle per la mano successiva.

 

Stucco per piastrelle: pittura o stuccatura?

Realisticamente, non sarete in grado di evitare di dipingere la malta. Oltre a essere complicato, è estremamente dispendioso in termini di tempo. Tuttavia, ci sono un paio di opzioni se volete mantenere la malta col suo colore originale.


La soluzione più rapida è utilizzare una penna per stucco dopo aver finito di dipingere (anche se questo non offrirà una finitura così buona come la rimboccatura). L’alternativa è rimuovere la vecchia malta prima di verniciare le piastrelle e poi ripetere la stuccatura dopo.

Assicuratevi di lasciare un tempo sufficiente di asciugatura per l’ultima mano di finitura. Questo richiede tempo, ma darà la migliore finitura.

foto: © stock.adobe

 

Guarda anche: Piastrelle adesive stile provenzale in cucina – per rinnovare senza demolire

CONDIVIDI SU:

Segui ideadesigncasa.org su


Seguici su Facebook



Ti potrebbe piacere:

Idee da non perdere...