Menu Chiudi

Come pulire le pigne prima di utilizzarle per le decorazioni di casa

Come pulire le pigne prima di decorare.
CONDIVIDI SU:

Le pigne sono insostituibili aiutanti nella realizzazione degli addobbi natalizi e autunnali. Ma è bene conoscere come pulirle nel modo corretto prima di utilizzarle.

 

Come pulire le pigne prima di decorare

Scovare le pigne nei parchi è davvero semplice. In autunno quando cominciano a cadere è facile imbattersi in esemplari differenti a seconda dell’albero sotto cui ci troviamo. Accumularle e utilizzarle per le decorazioni è una vera delizia.

Pigne in una ciotola decorazioni fai da te.
© stock.adobe

 

Non tutti però sanno che vanno pulite in modo accurato prima di utilizzarle. Se vengono raccolte in una stagione piovosa ci viene automatico, ma in realtà se anche non sono sporche di terra vanno comunque igienizzate per non rischiare di portare in casa batteri, muffe e piccoli insetti. Vediamo quindi come fare.



 

La raccolta delle pigne

La soluzione migliore di raccolta delle pigne sarebbe di raccoglierle un anno per l’anno dopo. Si sa però che non tutti hanno spazio per riporre le pigne e quindi ci si trova sempre a raccoglierle l’autunno stesso.

Si possono scegliere quelle ben aperte se ancora in buono stato, oppure anche quelle chiuse perché come vedremo nella fase finale del nostro processo di pulizia si apriranno anche queste.

© stock.adobe

 

Passaggi per pulire le pigne

Come visto nell’introduzione, è importante pulire le pigne prima di utilizzarle per le decorazioni per non rischiare di portarsi in casa batteri, muffe e piccoli insetti che si annidano al loro interno. I passaggi sono davvero semplici.

© stock.adobe

 

La spazzolatura

Innanzitutto vanno spazzolate superficialmente con un bruschino in modo da rimuovere lo sporco grossolano e qualche goccia di resina che può essere rimasta attaccata alle pigne.

© stock.adobe

 

L’ammollo

In seguito vanno poste in ammollo per 24 ore in una soluzione di una tazza di aceto in cinque litri di acqua. Posizioniamo al di sopra un peso in modo che possa mantenere le pigne immerse completamente nel liquido, perché tenderanno a galleggiare. È fondamentale però che il peso non sia eccessivo per non schiacciarle.

© stock.adobe

 

Il risciacquo

Trascorse le 24 ore le pigne vanno sciacquate sotto l’acqua corrente per rimuovere eventuali residui rimasti e l’odore di aceto. Ci accorgeremo che con l’ammollo le pigne si saranno tutte chiuse.

© stock.adobe

 

L’asciugatura

Per l’asciugatura si possono scegliere due vie, una più lenta e l’altra più rapida. La prima è l’asciugatura naturale all’aria aperta, ma può richiedere diversi giorni.

La soluzione più rapida per avere nuovamente pigne aperte da utilizzare per la decorazione è porle nel forno ad una temperatura di 80° per 15 minuti.

Questa è una fase molto pericolosa perché le pigne sono molto infiammabili, quindi è consigliato sorvegliare costantemente il forno in questa fase.


© stock.adobe

 

Ora che hai scoperto come pulire ed igienizzare le pigne non ti resta che metterti al lavoro.


Guarda anche:

Pigne naturali: 7 splendide decorazioni fai da te per la casa

Pigne naturali decorazioni fai da te.

CONDIVIDI SU:

Segui ideadesigncasa.org su


Seguici su Facebook



Ti potrebbe piacere:

Idee da non perdere...