Menu Chiudi

Erba sintetica sul balcone: le varie tipologie e guida alla posa

Erba sintetica sul balcone.
CONDIVIDI SU:


Anche se non possedete un giardino, potrete comunque godere di un bel prato verde in terrazzo. In commercio, infatti, esistono numerose soluzioni che vi permetteranno di creare un angolino naturale. Scopriamo insieme quale erba sintetica scegliere per il vostro terrazzo.

Erba sintetica sul balcone.
© stock.adobe

 


Un terrazzo immerso nel verde è il sogno di molti. Se i vasi di fiori non vi bastano e desiderate una bella distesa di prato, potrete ottenerla con facilità. Grazie a delle pratiche soluzioni avrete finalmente il terrazzo dei vostri sogni. Ma come fare? La risposta è più semplice di quanto pensiate.

Utilizzando dell’erba sintetica, infatti, potrete ricreare i vostro angolo green, dove rilassarvi leggendo un bel libro o facendo aperitivo. Continuate la lettura per scoprire quali soluzioni scegliere per rivoluzionare il proprio terrazzo.

 

L’erba sintetica su balcone o terrazzo: quale scegliere?

Erba sintetica sul balcone.
visto su © amazon

 

Prima di procedere con l’acquisto è bene sapere che in commercio esistono ben due diverse tipologie di erba sintetica.

La prima si chiama “Erba sintetica ad intaso” e prevede l’impiego di sabbia, che garantisce un ancoraggio alla superficie in maniera naturale. Questo significa che non ci sarà sollevamento e che i fili sintetici manterranno una posizione eretta. Tuttavia, per controllare il livello e la presenza di sabbia, sarà necessaria una verifica periodica. Per questa ragione non è da considerarsi la soluzione ideale per un balcone o un terrazzo.

La seconda, invece, si chiama “Erba sintetica prefinita”, una soluzione più moderna e tecnologica, dal momento che in questo caso, al posto della sabbia, viene utilizzato un intreccio di microfibra. I vantaggi sono legati al fatto che non sarà necessario fare alcun tipo di manutenzione e, per tale ragione, potrete facilmente posizionarla sul vostro balcone, senza rischiare di lasciare sabbia in giro.

Un altro elemento da considerare è lo spessore dei fili e le ottime qualità drenanti. Potrete anche scegliere la tipologia di prato. Quello a rotolo è più economico e vi permette di ritagliarlo nella forma e nelle dimensioni che preferite. Quello a mattonelle, invece. Generalmente più costoso, si posiziona semplicemente incastrandosi e permette di creare effetti particolari tra cui scacchiere e giardini verticali.

Un’elemento svantaggioso potrebbe essere quello della perdita di colore nel corso degli anni, causato anche dalla prolungata esposizione al sole, e l’appiattimento dei fili, soprattutto se si acquista un prato troppo economico.


 

Consigli per posare l’erba sintetica sul balcone o sul terrazzo

visto su © amazon

 

Un prato in balcone è possibile grazie all’impiego di quello sintetico che, oltre a non richiedere acqua, non ha neanche bisogno di particolare cure e attenzione. Se ve la cavate con il fai da te potrete posizionarlo sul vostro terrazzo o balcone, poggiando semplicemente dei pesi, come vasi o altri oggetti di arredo.

In alternativa, nel caso in cui sia necessario fornire un sistema di bloccaggio maggiore, potrete anche utilizzare del forte nastro bio adesivo. Evitate collanti permanenti poiché potreste rovinare la pavimentazione.


La maggior parte dei prati sintetici che troverete in commercio è costituita da un fondo in lattice, che permette un’ottima aderenza su qualunque superficie, anche in quelle non perfettamente livellate. Nel caso in cui doveste apportare delle modifiche per posizionarlo al meglio, vi basterà servirvi di un paio di forbici, facendo attenzione a non sfibrare i fili. Questo vi permetterà anche di dare vita a delle aiuole o di creare particolari composizioni, inserendo anche altri elementi come sassolini bianchi o piastrelle in legno.

 

Erba sintetica: la manutenzione

visto su © amazon

 

Per mantenere il prato sintetico al meglio, ecco alcuni suggerimenti da seguire. Per prima cosa servirebbe raccogliere foglie secche o aghi di pino che il vento trascina nel prato, così da mantenerlo sempre ben pulito e in ordine.

Se dovesse sporcarsi in qualunque modo, magari per la presenza di animali domestici come cani e gatti, non dovrete far altro che pulirlo con un getto d’acqua senza temere che possa rovinarsi.

Infine, se siete soliti calpestarlo con frequenza, vi consigliamo di “pettinarlo”, rimettendo i fili in ordine utilizzando semplicemente un rastrello.

Come vedete realizzare un bel giardino in terrazzo è abbastanza semplice. Scegliete le soluzioni che meglio si presteranno alle vostre esigenze e godetevi un po’ di verde. Grazie al prato sintetico riuscirete a dare vita ad una rilassante oasi in terrazzo.


Guarda anche:


Pavimento per balcone e terrazzo: 10 ispirazioni per un esterno stiloso

Pavimento per balconi e terrazzo.

CONDIVIDI SU:


Segui ideadesigncasa.org su



Ti potrebbe interessare...