Menu Chiudi

4 aspetti da non sottovalutare prima di scegliere una cucina con isola operativa

alcuni fattori da considerare prima di scegliere una cucina operativa
CONDIVIDI SU:


Una cucina con il piano cottura o il lavello sull’isola viene definita cucina con isola operativa. Sta avendo molto successo nell’ultimo periodo e tutti la vorremo a casa. Ma presenta alcuni limiti di progettazione che è bene conoscere prima di sceglierla.

La cucina con isola è diventata di grande moda nell’ultimo periodo, grazie anche all’affermarsi di appartamenti che presentano ampi open space. È infatti la cucina della convivialità, perché permette di continuare ad intrattenere gli ospiti cucinando, oppure di tenere sotto controllo i bambini.

L’isola della cucina è spesso operativa, ossia presenta piano cottura o lavello o entrambi. Ma la progettazione di una cucina con isola operativa è senza dubbio più complicata della progettazione di una cucina che ha solo spazi contenitivo sotto e piano d’appoggio sopra, perché bisogna prevedere tubature, condutture e scarichi. Vediamo quindi i 4 aspetti da non sottovalutare prima di scegliere una cucina con isola operativa.


 

4 aspetti da non sottovalutare prima di scegliere una cucina con isola operativa: il progetto

Realizzare una cucina con isola operativa non è per nulla semplice. Ha infatti bisogno di un progetto accurato e non si può scegliere all’ultimo momento di collocare lavello o piano cottura su di essa. Infatti entrambi gli elementi necessitano di specifici impianti che richiedono di forare il pavimento. Se desiderate quindi realizzare una cucina con isola operativa senza eseguire grandi opere di muratura o senza forare e rifare il pavimento è. meglio che optiate per una composizione cucina differente, oppure con piano cottura e lavello a parete e un’isola solo come piano d’appoggio.

cosa considerare prima di scegliere una cucina con isola operativa
© stock.adobe

Piano cottura a gas

Se nell’isola desideriamo inserire un piano cottura a gas o a metano è importante prevedere il tubo che arrivi esattamente nella zona dove desideriamo avere i fuochi, oltre che alla presenza di un allaccio elettrico. Inoltre, per norma di legge, va collocata sopra il piano cottura una cappa aspirante. Va quindi predisposta una conduttura che permetta di espellere all’esterno i fumi di cottura.

© stock.adobe

 

Piano cottura ad induzione

I piani a cottura ad induzione, molto utilizzati nei paesi nordici, stanno diventando di moda anche da noi. Per il loro funzionamento basta un solo cavo elettrico, quindi una semplice presa. In ogni caso va fatta arrivare in centro stanza. Per legge non è obbligatoria una cappa aspirante, ma è consigliata la presenza almeno di una cappa filtrante per gli odori e l’unto della preparazione dei pasti.

© stock.adobe

 

Lavello

Il lavello è il terzo elemento che può essere posizionato sul piano dell’isola operativa. In questo caso va fatta arrivare l’acqua calda e l’acqua fredda, oltre che il tubo di scarico. Sono ovviamente allacciamenti che richiedono un bell’intervento di muratura e quindi consigliati soprattutto se si è in fase di ristrutturazione.

© stock.adobe

 

Se state pensando di progettare una cucina operativa è bene valutare tutte le complicazione che questo implica.



Guarda anche:

Le cucine con isola: 30 idee moderne per una cucina da sogno

CONDIVIDI SU:


Segui ideadesigncasa.org su



Ti potrebbe interessare...