Menu Chiudi

Trucchi per far prosperare il rosmarino, la pianta dall’aroma inconfondibile

Come far prosperare il rosmarino.
CONDIVIDI SU:

Volete coltivare il rosmarino in vaso e non sapete come fare? Ecco alcuni trucchi per farlo crescere prosperoso anche sul balcone e averlo a portata di mano per condire i vostri piatti!

 

Come far prosperare il rosmarino, la pianta dall’aroma inconfondibile

Ottimo da usare per profumare le ricette ed esaltarne il sapore, il rosmarino è una pianta dai mille usi. Potete infatti usarlo per rendere i capelli sani e forti oppure per depurare l’organismo, assumendolo sotto forma di infuso.

Ampiamente coltivato su balconi e terrazzi, è anche altamente decorativo e per questo è bene sapere come mantenerlo in perfette condizioni. Non tutti sanno che ha bisogno di poca acqua, così come pochi sono a conoscenza di alcuni trucchi per farlo crescere prosperoso.

E allora, ecco alcuni trucchi e consigli che troverete di seguito, efficaci per mantenere il rosmarino sano e rigoglioso tutto l’anno, in modo da poterne apprezzare le proprietà ogni volta che lo utilizzerete.



foto © stock.adobe

 

Come innaffiare il rosmarino per mantenerlo rigoglioso

La regola fondamentale per avere un rosmarino rigoglioso è l’innaffiatura. Infatti, è proprio questo il segreto per avere una pianta di rosmarino prosperosa e mantenerla in salute a lungo. Per capire quando e quanto innaffiare il rosmarino bisogna conoscere le sue esigenze idriche.

Questa pianta per natura resiste in maniera notevole alla siccità, per cui non dovete preoccuparvi se c’è stato un periodo troppo asciutto. Tuttavia, il discorso cambia se avete appena piantato il rosmarino, da seme o da talea.

In questo caso la pianta ha bisogno di acqua più di quanto solitamente viene destinata ad essa quando è già cresciuta, perché deve svilupparsi. Invece, se si tratta di un arbusto ben sviluppato, è sufficiente l’acqua che attinge dalle precipitazioni, a patto che all’anno siano superiori ai 450 mm.

foto © stock.adobe

 

Vedi anche > Rosmarino sano e forte: Basta seguire questo metodo di innaffiatura per averlo sempre fresco e rigoglioso

 

Bisogna evitare i ristagni di acqua

Un altro dettaglio da considerare è che il rosmarino soffre molto il marciume delle radici, causato in particolare dai ristagni, che potrebbero causarne la morte.

Proprio per questo dovete evitarli e per farlo dovete osservare bene la pianta, soprattutto il terreno. Per accertare se necessita di acqua oppure no affondate un dito nel terreno che circonda la pianta e verificate se è umido o asciutto.

Se è umido rimandate l’innaffiatura, ma se è asciutto procedete, avendo cura che l’acqua non goccioli dal vaso. Se gocciola, potrebbero formarsi i ristagni e la pianta potrebbe soffrirne.

 

Utilizzare un contenitore con fori di drenaggio larghi

Per evitare che l’acqua da mettere per innaffiare il rosmarino sia troppa, abbiate cura di piantarlo in un contenitore dotato di fori di drenaggio larghi.

Nel primo strato mettete della ghiaia, poi fate uno strato con del terriccio leggero. Tutte le volte che procedete all’innaffiatura, aspettate che il substrato sia asciutto i prima di aggiungere altra acqua.

Non occorrono innaffiature regolari, perché sarete voi a tenere sotto controllo le necessità di acqua del rosmarino. Regolatevi in base al clima e alle temperature e capirete subito se la pianta ha bisogno di essere innaffiata oppure no.

Seguendo questi accorgimenti il vostro rosmarino crescerà prosperoso e potrete utilizzarlo ogni volta che volete per insaporire le vostre pietanze!


 

Guarda anche > Come riprodurre il rosmarino: il trucco per ottenere tantissime piante a partire da un solo rametto

CONDIVIDI SU:

Segui ideadesigncasa.org su


Ti potrebbe piacere:

Idee da non perdere...