Menu Chiudi

Girasole: caratteristiche e idee per decorare con questa bella pianta dal colore giallo intenso

Girasole.
CONDIVIDI SU:

La pianta di girasole presenta un caratteristico fiore dal colore giallo intenso e uno stelo molto lungo. Proprio per queste sue specificità, è assai bello non solo se coltivato in giardino ma anche in vaso. In questo post scopriremo le caratteristiche di questa pianta affascinante, il clima e il terreno adatto per la sua crescita, come seminare i girasoli, come coltivarla in terra o in vaso.

Girasole
© stock.adobe

 

Il girasole è essenzialmente un fiore dallo spirito rustico, che adorna le aiuole estive più che i giardini dove regna l’ordine. Il giallo della corolla e il suo portamento imponente lo rendono adatta soprattutto per l’orto. Il girasole sta bene anche in terrazzo, magari quello nano da collocare in un vaso. Il girasole nano è sicuramente più consono agli spazi ridotti di un terrazzo e di un balcone.

Come già specificato, il girasole può essere coltivato anche per scopi alimentari, dato che i suoi semi sono molto buono da mangiare come snack e vi si può produrre anche l’olio di semi.

 

La pianta

Fiore di girasole in campo.
© stock.adobe

 



Il girasole (Helianthus annuus), appartiene alla famiglia Asteraceae,  è una coltura annuale ed è originaria del continente americano. Questa pianta è stato introdotta in Europa verso la fine del XVI secolo, e poi si è diffusa in Italia soprattutto nel centro. Il girasole è parente del topinambur (Helianthus tuberosus), di cui si coglie il tubero. I girasoli appartengono alla stessa famiglia delle lattughe, camomilla  e del carciofo. Questa pianta cresce in altezza e può anche arrivare ai 4 metri.

Il suo fusto, sul quale crescono le foglie, è eretto e il fiore si sviluppa sulla sommità. Il girasole è caratterizzato dall’eliotropismo, cioè la capacità di girare seguendo il sole: proprio per questo il girasole si chiama così. Solo le piante giovani si orientano verso il sole, prima che fiorisca. Quelli già fioriti invece sono sempre rivolti verso oriente. Il girasole è capace di depurare il terreno in cui è posto, eliminandone tutte le sostanze inquinanti e nocive.

 

Clima e terreno

I girasoli sono fiori estivi e non temono il caldo. Dunque, possono crescere bene anche se esposti alla luce diretta del sole. Questa pianta sopporta brevi peridi di siccità ma non ama l’umidità e i ristagni d’acqua che la fanno marcire. Il terreno in cui lo si coltiva deve essere ben drenata e piena di sostanze organiche. Il terreno, dunque, va concimato con letame maturo o stallatico, e va vangato molto in profondità, prima che vengano gettati i semi.

 

Quando e come seminare i girasoli

Semi di girasole.
© stock.adobe

 

La semina del girasole avviene da marzo fino alla fine di aprile e i semi vanno messi direttamente nel terreno. La semina può avvenire anche in semenzaio e il vantaggio consiste nel poter seminare qualche settimana prima.

La pianta del girasole ha radici fittonanti dunque va trapiantato subito, altrimenti rischia di andare in sofferenza se resta in vaschetta. Le piante di girasole vanno piantate a circa 20 cm l’una dall’altra e tra le file bisogna sempre lasciare che vi siano 60 cm di spazio affinché la luce possa sempre filtrare agevolmente.

 

Coltivazione del Girasole

Se piantato nell’orto, il girasole non comporta molto lavoro e necessita di poche accortezze. Il suo fiore è molto delicato e il vento può facilmente danneggiarlo, proprio perché è grande. Può, perciò, essere utile sostenere il fusto con una canna di bambù oppure si può rincalzare la base della pianta. Prima di piantare il girasole, è bene eliminare le erbacce che potrebbero ostacolare la crescita dello stesso.

Per evitare che le erbe infestanti crescano intorno al girasole, si procede alla pacciamatura, cioè si copre il suolo tutto intorno alla piata, con materiali che non fanno passare a luce: così le malerbe non crescono. Il girasole va innaffiato con moderazione ma costanza, lasciando asciugare il terreno prima di procedere ad una nuova irrigazione, Come già detto, il girasole teme i ristagni d’acqua.

 

Coltivare il girasole in vaso

Come coltivare il girasole.
© stock.adobe

 

Il girasole può essere coltivato in vaso sempre che il terrazzo o il balcone dove lo si colloca, siano soleggiati. Sul balcone è meglio coltivare la varietà nana, dati che il girasole ha radici proporzionate all’altezza del fusto e con una pianta di altezza normale, ci vorrebbe un contenitore enorme.

Esistono varietà nane che non superano i 30 cm di altezza e sono dunque perfette per una coltivazione casalinga. Il terreno da mettere nel vaso deve contenere argilla espansa o ghiaia, per drenare le eccessive irrigazioni. Il girasole in vaso va innaffiato in maniera regolate senza eccessi.


 

Girasole foto e immagini: ispirazioni per decorare casa e giardino

Il girasole sa adornare con maestria gli ambienti casalinghi, con la sua imponenza e il giallo vivo del suo fiore. Ecco, di seguito, le foto che ispirano idee di decorazioni per la casa ed il giardino. Un’eleganza ed una semplicità tutte da copiare!

© stock.adobe

 

© stock.adobe

 

© stock.adobe

 

© stock.adobe

 


© stock.adobe

 

© stock.adobe

Guarda anche: Girasole in vaso: tutto quello che c’è da sapere

CONDIVIDI SU:

Segui ideadesigncasa.org su


Ti potrebbe piacere:

Idee da non perdere...