Menu Chiudi

Ecco 6 piante odorose per un giardino gradevolmente profumato: lasciatevi incantare

piante odorose per un giardino gradevolmente profumato
CONDIVIDI SU:

Le piante odorose che profumano il giardino sono un “must” irrinunciabile quando si vuole “vestire” lo spazio esterno di nuovi colori che però espandano intorno anche una fragranza speciale. Ecco, dunque le piante, sulle quali puntare.

 

Ecco quali sono le piante odorose che rendono profumato il giardino: ispiratevi

Il giardino è la parte esterna di casa tutta da vivere quando arriva l’estate. Ecco perché bisogna allestirla non solo con arredi confortevoli e funzionali, ma anche con le piante giuste. Soprattutto, è bene pensare a piante odorose che espandano tutt’intorno una fragranza gradevole, che entri anche in casa.

Di tipologie di piante ne esistono tantissime e, ovviamente, bisogna anche scegliere quelle che si adattano allo stile di vita che facciamo, alle cure che possiamo prestare loro e al tipo di luogo in cui si vive. Vi sono quelle che amano il clima caldo, quelle che non sopportano il sole, quelle che prediligono la luce diretta oppure l’ombra. L’importante è che siano coloratissime e che odorino di un profumo che sia ammaliante e duraturo. Vediamo insieme quali sono le piante odorose più belle.

 



La rosa

Tra le piante odorose più belle in assoluto ci sono le rose, famose, amatissime, dal profumo penetrante che regala tante emozioni. Le rose sono belle da vedere, adornano con grazia ed espandono intorno una fragranza che entra anche in casa e dura nel tempo. Ne esistono di varie specie, colori e profumazioni e, naturalmente, ciascuno sceglie quella che più gli si confà.

Le rose necessitano di uno spazio aerato, luminoso ma colpito dalla luce diretta del sole. Il loro terreno deve essere ricco di sostanze organiche e ben drenato.

 

La lavanda selvatica

La Lavanda selvatica è una pianta perenne assai adoprata, soprattutto nelle zone mediterranee, per adornare i giardini. Le sue infiorescenze sono riunite in pannocchie sopra gli steli ed hanno un caratteristico fiore viola, molto profumato. La lavanda resiste bene alla siccità ma durante la stagione calda va irrigata, specie se il terreno risulta asciutto.

 

Il Narciso

Il Narciso ha uno stelo lungo e foglie a nastro. I suoi fiori sono costituiti da petali morbidi disposti attorno ad una corona centrale e aperti verso l’esterno. Il suo è un profumo deciso che calma lo stress. Va innaffiato in estate mentre le irrigazioni vanno sospese in autunno e in inverno.

 

Il Giglio

Il Giglio è bianco e davvero molto profumato. Adora stare a mezz’ombra e vuole il clima mite. Il giglio può essere coltivato in vaso e il suo terriccio deve essere ricco di materiale organico, di ferro e soprattutto bene drenato. Non ama le innaffiature eccessive.

 

La Fresia

La Fresia arriva dal sud Africa ed è una pianta campagnola. Si coltiva semplicemente, ha un’eccezionale fioritura e la specie che presenta il fiore giallo è la più profumata. La fresia sboccia in primavera. Questa pianta non tollera i clima rigidi e i suoi bulbi vanno interrati in luoghi in cui vi sia molta luce, altrimenti la pianta non fiorisce molto.


 

La Gardenia

La Gardenia è originaria del Giappone e della Cina. Le sue foglie sono coriacee e il fiore, bianco, sboccia tra la primavera e l’autunno. Preferisce un’esposizione a mezz’ombra, dunque, in giardino va messa dove il sole non sia diretto. L’irrigazione avviene nebulizzando acqua non calcarea sulla chioma della pianta, senza irrorare direttamente i fiori che sennò ingialliscono.

 

Avere in giardino delle piante odorose che espandano la loro fragranza dovunque è sempre piacevole. Scegliete quelle che regalino un impatto visivo maggiore, che profumino di più e, soprattutto, siano adatte al clima della regione in cui si vive.


 

Foto: © stock.adobe


Guarda anche: 9 idee per decorare l’ingresso di casa con fiori e piante – lasciatevi ispirare

CONDIVIDI SU:

Segui ideadesigncasa.org su


Ti potrebbe piacere:

Idee da non perdere...