Menu Chiudi
Posted in Fai da te, Organizzazione

Come liberarsi dell’umidità in maniera naturale: ecco qualche utile rimedio

Liberarsi dell'umidità in casa in maniera naturale
CONDIVIDI SU:

L’umidità è uno dei problemi più difficili da risolvere in una casa. Antiestetiche macchie si formano sulle pareti e in più l’aria interna può divenire davvero insalubre. Esistono, però, diversi metodi naturali, per poterla combattere o, quantomeno, tenerla sotto controllo.

 

Ecco qualche rimedio naturale per liberarsi dell’umidità in casa

L’umidità è un grosso problema, non solo estetico, dato che fa comparire sulle pareti delle macchie difficili da pulire, ma soprattutto per la salute. La presenza di umidità, infatti, genera muffe che  sono in grado di scatenare problemi respiratori negli abitanti di una casa, soprattutto in anziani e bambini. Un’alta percentuale di acqua stagnante tra le mura domestiche può anche generare dei danni strutturali alle abitazioni.

Anche tante abitudini sbagliate possono favorire un ambiente umido, come ad esempi infissi che siano troppo isolanti, oppure una cattiva areazione o il troppo vapore in cucina o in bagno. Per risolvere il problema umidità o almeno contenerlo, si possono usare degli accorgimenti e dei metodi naturali che non inficiano la salute di chi abita la casa in questione e che sono, cosa importante, efficaci ed economici.

 

Il ricambio d’aria

Come liberarsi dell'umidità in maniera naturale
© stock.adobe

 

Una casa deve essere ben arieggiata e dunque è necessario che ogni giorno le finestre e i balconi siano aperti per almeno un quarto d’ora, specialmente la mattina, meglio ancora se c’è un  bel sole in grado di asciugare le zone bagnate. L’aria proveniente da fuori asciuga la condensa che si forma col vapore, specialmente in cucina o nel bagno, magari dopo una doccia. Sarebbe opportuno tenere le finestre proprio spalancate, anziché tenerle socchiuse, magari per più ore.

 

Eliminare i ristagni di acqua piovana

Quando piove accade che l’acqua accumulata intorno alla casa provochi dei ristagni che generano umidità. Per evitare questo problema, si dovrebbe convogliare l’acqua stessa verso una cisterna, in modo da non sprecarla e poterla, dunque, utilizzare per innaffiare il giardino.

 

Ridurre le fonti di vapore

Anche il troppo vapore in casa può causare un aumento notevole dell’umidità. Per evitare ciò, bisognerebbe, ad esempio, avere l’accortezza di non far asciugare la biancheria in casa, perché questa sprigiona punto il vapore. Quando il bagno è cieco, è sempre bene azionare la ventola e in cucina la cappa, che aspira i fumi e non li fa ristagnare. Un’altra buona soluzione può essere l’uso dei ventilatori in casa, magari quello a soffitto, montati sotto i lampadari, che girando, attirano l’aria secca e diminuiscono il tasso di umidità.

 

Deumidificare con il sale grosso

La casa può essere deumidificata in maniera naturale, adoperando il sale grosso, che va messo in una bottiglia di plastica. La quantità di sale da adoperare è direttamente proporzionale alla grandezza della stanza da deumidificare. La bottiglia riempita di sale va tenuta una notte in frigorifero e poi, al mattino, potrà essere collocata dove sia necessario. Quando una stanza da deumidificare è grande, si possono disporre due contenitori pieni di sale in due punti opposti dell’ambiente. Quando il sale assorbe l’umidità, può essere messo ad asciugare prima di essere utilizzato nuovamente per lo stesso scopo, per un massimo di 5 volte.


Potrebbe piacerti: Ecco come realizzare un deumidificatore fai da te: un semplice trucco per eliminare l’umidità



Il metodo dello scolapasta

Anche con uno scolapasta si può creare un deumidificatore assai efficace. Questo va inserito in un contenitore e sopra gli va poggiato un panno, per poi versarvi 200 grammi di sale, per una stanza che sia grande più o meno 30 mq. Quando il sale si bagna, vorrà dire che ha assorbito umidità e, per riutilizzarlo, bisogna attendere che si asciughi.

 

La lampada di sale che deumidifica

La lampada di sale è costruita con il sale dell’Himalaya ed è anche un ottimo deumidificatore. Inoltre migliora la respirazione durante il sonno. La lampada di sale necessita di un supporto che raccolga l’acqua assorbita. La lampada di sale funziona solo se accesa e se resta spenta per tanto tempo, potrebbe trasudare acqua.

 

La gomma arabica

La gomma arabica possiede un’ottima funzione deumidificante, anche negli armadi. Inoltre lascia anche un piacevole odore. Un rimedio economico e facilmente acquistabile anche in siti on line.

 

La calce viva

Se si mette della calce viva in un barattolo da coprire con un coperchio forato, si crea un deumidificatore economico ed efficace. La calce assorbe l’acqua in eccesso, basta solo maneggiarla con cura, evitando il contatto con gli occhi.

 

Le piante che assorbono l’umidità

Chi ama avere le piante in casa, può scegliere quelle che assorbono l’umidità e migliorano la qualità dell’aria. La maggior parte di queste piante raccolgono l’umidità in eccesso attraverso gli stomi delle foglie. Di piante che assorbano l’acqua in eccesso ce ne sono diverse tra le quali il giglio della pace, l’edera inglese, la Tillandsia, facili da curare, decorative, purificatrici dell’aria in casa ed efficaci nel combattere l’umidità e dunque, nell’evitare che si formino le muffe.

CONDIVIDI SU:


Segui ideadesigncasa.org su