Menu Close

Come prelevare le talee di pothos con successo: la guida completa alla talea e al radicamento

Talee di Pothos
Piante e fiori

Il pothos, o Epipremnum aureum, è una pianta d’appartamento molto apprezzata per la sua facilità di coltivazione e la sua bellezza. Ma sapevate che è anche molto facile da propagare? In questo articolo vi mostreremo come prelevare le talee di Pothos, dove tagliarle e come farle radicare. Che siate principianti o giardinieri esperti, qui troverete consigli e suggerimenti su come ottenere un successo con le vostre talee di Pothos.



Il Pothos è un rampicante tropicale che viene spesso coltivato in casa per le sue bellissime foglie verdi e dorate. È anche molto facile da propagare, il che significa che è possibile creare nuove piante dalla pianta madre. La propagazione del pothos avviene solitamente per talea, un metodo che prevede di tagliare una parte della pianta e ripiantarla per farla radicare e diventare una nuova pianta. In questa guida vi mostreremo come prelevare le talee di Pothos, dove tagliarle e come farle radicare.

Come prelevare le talee di Pothos

Per fare le talee di Pothos, avrete bisogno di un paio di forbici o di un coltello affilato, un vaso con del terriccio e un po’ d’acqua. Ecco i passaggi da seguire:

  1. Scegliere uno stelo da tagliare: cercate uno stelo sano sulla vostra pianta di Pothos. Dovrebbe avere almeno quattro foglie ed essere abbastanza lungo da poterlo tagliare in più sezioni.
  2. Tagliare lo stelo: con le forbici o il coltello tagliare lo stelo appena sotto un nodo, cioè dove una foglia si unisce allo stelo. Ogni sezione di fusto tagliato deve avere almeno un nodo.
  3. Preparare le talee: rimuovere le foglie inferiori da ogni sezione di fusto, lasciando almeno due foglie su ogni talea. In questo modo si riduce l’evaporazione dell’acqua e la talea può concentrarsi sulla produzione di nuove radici.
  4. Piantare le talee: riempire un vaso con terriccio e praticare un foro per ogni talea. Inserire la talea nel foro, assicurandosi che il nodo sia a contatto con il terriccio. Quindi, riempire leggermente il terriccio intorno alla talea per stabilizzarla.
  5. Innaffiare le talee: innaffiare le talee fino a quando il terriccio è umido ma non zuppo. Posizionate il vaso in un luogo caldo e luminoso, ma non alla luce diretta del sole.
  6. Mantenere le talee: continuare a innaffiare regolarmente le talee per mantenere il terriccio umido. Con il tempo, le talee inizieranno a sviluppare nuove radici e foglie.

Come far radicare le talee di Pothos

Una volta realizzate le talee di Pothos, il passo successivo è quello di farle radicare. Esistono due metodi principali per far radicare le talee di Pothos: in acqua o direttamente nel terriccio.


Per far radicare le talee di Pothos in acqua, è sufficiente posizionare le talee in un contenitore pieno d’acqua, assicurandosi che i nodi siano sommersi. Cambiate l’acqua ogni due settimane circa per evitare la proliferazione batterica. Nel giro di qualche settimana, si dovrebbe iniziare a vedere lo sviluppo di nuove radici dai nodi.

Per far radicare le talee di Pothos nel terriccio, seguite i passaggi descritti sopra per piantare le talee. Assicuratevi di mantenere il terreno costantemente umido per le prime settimane per favorire lo sviluppo delle radici. Una volta che le talee hanno attecchito e iniziato a produrre nuove foglie, si può iniziare ad annaffiare meno frequentemente.

Talee di Pothos
© stock.adobe

La propagazione del Pothos per talea è un metodo semplice ed efficace per moltiplicare la vostra pianta. Con un po’ di pazienza e di attenzione, è possibile creare facilmente nuove piante dal Pothos esistente. Sia che si scelga di far radicare le talee in acqua o direttamente nel terriccio, il processo è abbastanza semplice e gratificante. Ricordate solo di mantenere il terreno umido e di fornire alle talee un ambiente caldo e luminoso per favorirne la crescita. Con questi consigli in mano, siete pronti per iniziare la vostra avventura di propagazione del Pothos. Prendete le forbici e iniziate a tagliare!