Menu Chiudi

Schermature solari: come funziona il bonus 2020

Schermature solari: come funziona il bonus 2020


Così come per il 2019, anche la prossima legge di Bilancio del 2020 consentirà lo sconto IRPEF o la detrazione al 50% a tutti colori che acquisteranno tende interne ed esterne atte alla schermatura solare. Questo è il cosiddetto Bonus tende 2020 previsto sull’installazione di tapparelle, persiane, scuri che non solo garantiscono la protezione dalla luce solare ma consentono un notevole risparmio energetico. Infatti, evitando il surriscaldamento dell’abitazione, si equilibra anche l’accensione degli impianti di raffreddamento in estate. Tutto questo ha un notevole impatto positivo sull’ambiente e sui costi in bolletta per quanto concerne le spese dei contribuenti.

Schermature solari, bonus 2020
© stock.adobe.com

Come funziona il Bonus 2020: caratteristiche delle schermature

Abbiamo detto che le spese sostenute per l’acquisto di sistemi di schermatura solare, danno il diritto ad una detrazione fiscale pari al 50% del costo stesso. Al fine di poter ricevere lo sconto suddetto, la schermatura deve rispondere a determinati requisiti che sono:


  • la schermatura deve essere applicata all’interno o all’esterno della finestra o deve essere integrata in essa;
  • deve essere mobile, cioè deve poter essere aperta o chiusa
  • la schermatura deve proteggere una superficie vetrata o essere autonoma (aggettante)

Questi sistemi di protezione solare devono essere tutti dotati di apposita documentazione che ne attesti la capacità di schermatura. Solo così potranno consentire il bonus previsto per il 2020. La capacità di schermatura è espressa in Gtot: maggiore è il valore del Gtot, maggiore è la capacità di schermatura della tenda in questione. La detrazione fiscale è prevista non solo per l’acquisto di nuovi sistemi di schermatura ma anche per la sostituzione di quelli esistenti. I modelli installati devono avere il marchio Ce, così come affermato nell’allegato M al D.lgs. n. 311 del 29 dicembre 2006, che poi è stato sostituito dall’allegato B del Decreto datato 26 giugno 2009. Sono escluse dal bonus le zanzariere e i gazebo, perchè non facenti parte della struttura dell’edificio.

 

Bonus 2020: caratteristiche dell’immobile e a chi spetta il bonus

Anche l’immobile sul quale si effettuano i lavori di schermatura, deve presentare determinate caratteristiche. Il bonus 202 è infatti previsto quando:

  • l’immobile sul quale si interviene esista già nel momento dell schermatura , dunque è già accatastato o in fase di accatastamento;
  • il proprietario dell’immobile deve aver pagato regolarmente l’Imu, la Tari e tutti i tributi previsti;
  • non deve essere necessariamente presente nell’immobile un sistema di riscaldamento.

Il bonus previsto nella legge di bilancio del 2020 per sostituzione di tenda o schermatura solare spetta a:

  • nudo proprietario
  • inquilino in affitto
  • chi usufruisce della casa in comodato
  • il proprietario dell’immobile
  • chi gode di un diritto reale di godimento
  • le imprese
  • il nuovo titolare in caso di cessione dell’immobile
  • associazioni tra professionisti
  • istituti autonomi per le case popolari e gli enti con le stesse finalità
  • enti pubblici e privati che non svolgono attività commerciali che versano l’IRES

Detrazioni 2020: quali sono le spese agevolabili

Le spese che danno diritto al bonus del 202, sono differenziabili a seconda che si tratti di schermature esterne o interne. Per l’esterno sono:


  • tende da sole
  • cappottine mobili
  • tende a veranda
  • tende a rullo
  • pergole con schermo in tessuto

Per quanto riguarda invece l’interno, le schermature agevolabili sono:

  • tapparelle
  • persiane a battente
  • tende esterne a bracci pieghevoli o rotanti
  • verticali
  • lucernari e finestre su tetto
  • alla veneziana o a soffietto
  • a rullo

Bonus 2020: i limiti e la documentazione da presentare

L’eco bonus previsto dalla legge di Bilancio del 2020 consente un’aliquota fiscale di detrazione del 50% della spesa, che comprende prestazioni professionali e opere. L’importo che si può detrarre è un massimo di 60.000 euro in 10 rate annuali di importo uguale. Il rivenditore emette la fattura sulla quale deve dichiarare questa dicitura specifica:”Schermature solari ai sensi del D.lgs 311/2006 allegato M”.

Per usufruire del bonus 2020 bisogna inoltrare la “Scheda descrittiva dell’intervento”, entro 90 giorni dalla fine dei lavori, direttamente dal sito web ENEA. I pagamenti devono essere effettuati in maniera tracciabile, dunque con bonifico parlante, bancario o postale. Devono infatti risultare la causale del versamento, il codice fiscale del beneficiario dell’agevolazione, il codice fiscale o il numero di partita Iva del beneficiario del pagamento e il numero e la data della fattura.

Una volta effettuati i pagamenti, i beneficiari del bonus devono essere provvisti di:


  • fatture e ricevute dei lavori
  • certificazioni del fornitore che assicuri il rispetto dei requisiti tecnici
  • originale della documentazione inviata all’ENEA
  • schede tecniche dei componenti del fornitore
  • copia della ricevuta del bonifico parlante o online con l’indicazione della legge

Alla fine degli adempimenti burocratici per la detrazione fiscale, bisognerà conservare tutta la documentazione e dichiarare ogni anno la quota annuale (1/10) nella dichiarazione dei redditi.


Guarda anche: Impianto fotovoltaico… le detrazioni per il 2020

Ludovic Bastianiello
Nato a Parigi nel 1981, è il fondatore di ideadesigncasa.org. Si laurea a Parigi in Grafica pubblicitaria e Comunicazione visiva. Vista la sua passione per l’arredo, il design, ma anche il fai da te ed il riciclo creativo, dà vita nel 2015 al blog ideadesigncasa.org, una fonte ricca di idee originali per arredare e decorare casa con creatività. Contattaci
Avatar
Ti potrebbe interessare...


Su Amazon...

Su Amazon...

Sempre più ispirazioni...